Torna alla Home

News

Ti trovi in: Home  »  Destinazioni  »  Informazioni utili sul Kenya
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Informazioni utili sul Kenya

Un gioiello che si affaccia sull'Oceano Indiano, incorniciato da 400 km di costa disseminata di conchiglie, di fronte a cui splendidi coralli formano lunghe lagune e i lussureggianti fondali ospitano coloratissimi pesci: la cornice ideale per un panorama di sogno. Le foreste di palme, che regalano ombra e creano uno sfondo incantevole, vi attendono insieme a tutti i colori dell'Africa: dall'ebano dei volti al turchese del mare, passando per il giallo della savana.  Benvenuti in Kenya: una meta che non dimenticherete mai.

Documenti
Per i cittadini di nazionalità italiana è necessario il passaporto con validità di almeno 6 mesi dalla data di partenza e con almeno due pagine bianche.
Il visto d'ingresso è ottenibile in tutti gli aeroporti di arrivo al costo di Usd 50
Normative in rigore al momento della stampa del catalogo.

Valuta
La moneta ufficiale del Kenya è lo scellino kenyota: 100 scellini equivalgono a E 1 circa. Sono accettate le principali carte di credito come Visa e Master Card ma viene generalmente effettuata una maggiorazione sulle spese dal 3% al 5%.
Il cambio valuta può essere effettuato negli aeroporti e nelle città.
Preghiamo gentilmente voler prendere nota che nei Paesi dell'Africa orientale nelle strutture, nei negozi ed negli aeroporti NON vengono accettati Dollari in banconote di vecchia matrice, ma solamente banconote coniate dopo l'anno 2000.

Fuso orario
La differenza di fuso orario è di 2 ore in più rispetto all'Italia quando è in vigore l'ora solare; tale differenza si riduce di 1 ora durante il periodo dell'ora legale.

Lingua
Le lingue ufficiali sono il kiswahili e l'inglese.

Il clima
Il Kenya gode di un clima gradevole durante tutto l'anno con temperature che oscillano tra i 24 e i 30 gradi. Sulla costa il clima è tropicale, caldo e umido mentre sull'altopiano è molto temperato. Nei parchi invece l'escursione termica tra giorno e notte è sensibile e la temperatura può variare dai 5/7 gradi durante la notte ai 24 gradi circa del giorno. Due sono le stagioni più umide: da aprile a giugno e da ottobre a novembre. I mesi più secchi sono gennaio e febbraio.

Vaccinazioni e precauzioni sanitarie
Attualmente per il Kenya non è richiesta alcuna vaccinazione obbligatoria, consigliata la profilassi contro la malaria. Le informazioni sul tipo di profilassi possono essere richieste alla Asl locale. Si consiglia di stare poco esposti al sole, portare copricapo e occhiali da sole, creme solari ad alta protezione ed eventuali rimedi per le scottature. Oltre ai medicinali di uso personale portare repellenti contro insetti.

Telefoni
Le chiamate internazionali si possono effettuare senza eccessive difficoltà dai principali alberghi dove però viene richiesta una durata minima da 1 a 3 minuti.
Le telefonate sono molto costose. Esiste copertura GSM in tutto il paese, tranne che in alcuni parchi.

Apparecchi elettrici
In tutte le località il voltaggio è da 220/240 Volts. Consigliamo di munirsi di adattatori per prese di corrente a lamelle piatte (tipo inglese). Rasoi e apparecchi elettrici dovranno essere a voltaggio universale, meglio se funzionanti a batteria. Segnaliamo che durante la notte in alcune strutture alberghiere viene tolta la corrente.

Safari
va sottolineato che gli autisti locali sono tutti dotati di grande esperienza e, per regolamento africano, sono gli unici e assoluti responsabili degli itinerari e della gestione del tempo.
Gli autisti in genere parlano inglese e a volte conoscono qualche parola di rito in italiano; in Kenya alcuni safari vengono effettuati con autisti locali parlanti italiano.
Nei parchi e nelle riserve ci sono delle regole e dei divieti precisi allo scopo di preservare la natura nella sua integra bellezza e garantire la sicurezza di chi vuole godere di questo spettacolo naturale.
Per esempio non è possibile richiedere agli autisti di andare fuori dalle piste consentite, di avvicinarsi agli animali oppure di scendere dall'automezzo salvo nelle aree appositamente attrezzate.
In genere i safari nei parchi o nelle riserve durano circa 2/3 ore ogni mezza giornata.
Tutti i veicoli sono muniti di apparecchi radio HF per la comunicazione con gli uffici di Nairobi e Arusha.
Ricordiamo inoltre che lo spazio per bagagli a bordo dei veicoli e/o aerei da turismo è limitato (massimo 15 kg): si consigliano pertanto sacche morbide e non valigie rigide.
Occasionalmente per cause operative, climatiche o del tutto eccezionali può avvenire che i safari subiscano variazioni, senza però alterare il contenuto del viaggio; anche i lodge potrebbero essere sostituiti.
Non in tutte le strutture durante i safari sono accettati bambini al di sotto dei 7 anni.

Strade
Le vie principali di comunicazione sono asfaltate anche se in alcuni punti la manutenzione non viene effettuata nel migliore dei modi. Lasciate le strade principali, alcune volte anche prima di entrare nei parchi o nelle riserve, le strade diventano piste.
Sebbene la distanza chilometrica possa sembrare breve, i tempi di percorrenza sono molto più lunghi rispetto ai percorsi a noi familiari.
I trasferimenti e i safari sono effettuati con veicoli confortevoli ma non va dimenticato che le strade e le piste possono essere polverose e dissestate, e a seconda delle condizioni atmosferiche anche infangate.
Abbigliamento: durante i safari consigliamo indumenti pratici e leggeri di cotone o lino dai colori neutri, scarpe comode e basse o scarponcini chiusi, impermeabile leggero, occhiali da sole e cappello.
Inoltre è utile munirsi di binocolo, macchina fotografica, torcia elettrica e capi più pesanti in lana per la sera, in particolare a Ngorongoro o per chi effettua safari fotografici all'alba.
Se è previsto un soggiorno balneare alla fine dei safari, un secondo bagaglio può essere lasciato presso gli aeroporti internazionali o negli uffici dei nostri corrispondenti solo se debitamente chiuso con lucchetto o combinazione.

Tasse aeroportuali e voli interni
le tasse aeroportuali dovranno essere pagate prima della partenza e la quota sarà riconfermata all'atto della prenotazione.
In caso di itinerari che prevedono voli interni potranno essere utilizzate le seguenti compagnie aeree: Zan Air, Precision Air, Coastal Travel Aviation, Excel Airways, Kinasi Air Sevice, Kenya Airways, Mombasa Air, Eagle Air, Kaftc, Safari Link e le tasse aeroportuali sono già incluse nella quota tranne se diversamente specificato.
In uscita da Zanzibar le tasse dell'isola andranno pagate direttamente. I costi delle tasse si riferiscono a quelli in vigore al momento della stampa del catalogo e pertanto sono soggetti a riconferma.
Imprevisti e cambiamenti: nelle aree subtropicali, la salsedine combinata all'umidità, può provocare guasti a macchinari causa la sospensione momentanea di qualche servizio (minibar, impianto di riscaldamento dell'acqua, aria condizionata, etc).
In Africa inoltre possono capitare black-out elettrici o interruzioni dell'erogazione dell'acqua non sempre risolvibili in poche ore.
L'acqua dei rubinetti non è potabile: si consiglia di procurarsi acqua minerale nei bar anche se alcune camere sono provviste di thermos con acqua potabile.

Fotografia e video
è opportuno portare l'occorrente dall'Italia (rullini, batterie, cassette video) per la difficile reperibilità in zona.
Per scatti fotografici agli abitanti si richiede il massimo rispetto e il loro permesso di essere ripresi. Per fotografare i gorilla la macchina fotografica deve essere sprovvista di flash.

Cucina
cucina internazionale negli alberghi e nei lodge, anche se vale la pena assaggiare quella locale di cui la ricetta più comune è carne stufata bovina o ovina, accompagnata dall'"ugali" una specie di polenta bianca, patate dolci, miglio, manioca cotta alla brace, riso bollito.
Ottima la frutta tropicale che anche qui è stagionale.

Mance
la mancia è ben gradita e serve ad assicurarsi un servizio migliore. È consuetudine offrirla anche a fine servizio agli autisti, camerieri e tassisti.

Shopping
l'artigianato è molto ricco: oggetti e gioielli in pietra dura, tanzanite, bracciali in metallo battuto, rame e ottone, lavorazioni in legno, sculture e maschere in pietra saponaria, borse intrecciate, oggetti in cuoio, tamburi, stoffe di cotone colorate, batik, oltre alle collane dei Masai.
Proibito il commercio di oggetti in avorio o di origine animale, coltelli, lance, frecce dell'artigianato locale, considerati vere e proprie armi, conchiglie e l'esportazione di animali vivi.

Alberghi
tutti gli alberghi proposti in questo catalogo sono stati preventivamente ispezionati da nostro personale specializzato onde verificarne il livello. Ricordiamo però che queste destinazioni fanno parte di quello che è considerato terzo mondo per cui lo standard ed il livello delle strutture non sempre corrispondono al livello europeo.